Raffaella Carrà

Dimenticatoio:

underconstruction.gif Questa voce è ancora in costruzione. Se puoi, registrati e contribuisci per completare e migliorare l'articolo.
Per visualizzare l'elenco completo delle voci in costruzione, vedi la relativa categoria Laboratorio.
Su Dimenticatoio siete voi i veri protagonisti del sito.

Raffaella Carrà, nome d'arte di Raffaella Pelloni (nata a Bologna il 18 giugno 1943), attrice, showgirl, cantante, è una delle più famose presentatrici televisive italiane.


Gli inizi e il cinema

Dopo l'infanzia vissuta a Bellaria (ora in provincia di Rimini), ad 8 anni si trasferisce nella Capitale (città che, trasferte a parte, diventerà sua a tutti gli effetti) per studiare danza alla scuola di Jia Ruskaia. Di due anni dopo è la prima esperienza cinematografica in un film di Mario Bonnard chiamato Tormento del passato a fianco di un'attrice come Carla Del Poggio. Durante i '50 lavorerà in altri due film, ma sopratutto frenquenterà, diplomandosi nel 1960, il Centro Sperimentale di Cinematografia. Da quì in poi diviene La Carrà (come la chiamano in Spagna). Per tutti gli Anni 60 la sua carriera sarà quasi esclusivamente cinematografica. Tra i film che la vedono tra gli attori: La lunga notte del '43 di Florestano Vancini ('60), I compagni di Monicelli ('63) e, sopratutto, il brutto Colonnello Von Ryan di Mark Robson (futuro regista di Terremoto) ('65) ricordato esclusivamente perchè la vede a fianco di Frank Sinatra. Questo film, comunque, non le aprirà le porte per Hollywood se si eccettua una puntata del telefilm Le spie col futuro signor Robinson, Bill Cosby. Tra gli altri film si segnalano La Celestina P... R... di Carlo Lizzani ('65), Rose rosse per Angelica (film d'avventura franco italiano, l'unico da protagonista, diretto da Steno il cui titolo italiano cercava di capitalizzare sulla celebre serie interpretata dalla splendida Michèle Mercière) accanto a Jacques Perrin

Immagine:Locandinaitaliaroserosse.jpg

e Il caso 'Venere Privata' di Yves Boisset ('70) co-produzione anch'essa franco-italiana rimasto 'famoso' per essere l'unica volta in cui Raffa si spoglia (in realtà un nudo assai casto).



la Televisione

E' del 1966 la sua prima esperienza televisiva nel programma (l'autore dell'articolo ignora con quale ruolo) Il paroliere: questo sconosciuto. Ma è dal 1970 che il pubblico a casa scoprirà questa nuova show girl: infatti viene scelta per affiancare Nino Ferrer e il grande Nino Taranto nello spettacolo Io, Agata e tu. La trasmissione capitalizzava sul successo della cover dello stesso Ferrer della canzone che Taranto aveva per primo lanciato nel 1934. Nel 1982 affianca Corrado (con cui aveva già lavorato in Canzonissima, nel 1970) che presenta Fantastico 3 con Gigi Sabani. Dal 1983 al 1985 da sola Pronto, Raffaella?, programma di mezzogiorno in cui lavora per la prima volta con il suo ex compagno, Gianni Boncompagni, che ne cura la regia e in concorrenza diretta con Il pranzo è servito del suo amico Corrado, col quale condurrà anche un'edizione del Telegatto all'inizio degli anni novanta.

Nella stagione telvisiva 1985/1986 è la conduttrice di Buonasera Raffaella e in quella 1986/1987 di Domenica In. Nel 1987 passa a Mediaset, realizzando gli spettacoli Raffaella Carrà Show e Il principe azzurro che però non ottengono grossi risultati in termini di ascolto e appannano un po' la sua popolarità. Ritorna in RAI nel 1989, prima con Raffaella Venerdì Sabato e Domenica - Ricomincio da Due e poi con Week end con Raffaella.

la Musica



Se hai gradito questa pagina crea un link sul tuo blog o sul tuo sito copiando questo tag
Link html oppure Indirizzo url:
Personal tools
Messaggi (TagBoard)