Registratore Geloso

Dimenticatoio:

underconstruction.gif Questa voce è ancora in costruzione. Se puoi, registrati e contribuisci per completare e migliorare l'articolo.
Per visualizzare l'elenco completo delle voci in costruzione, vedi la relativa categoria Laboratorio.
Su Dimenticatoio siete voi i veri protagonisti del sito.

Che fine avranno fatto i vari fonoregistratori Geloso (chiamati Gelosino), con i loro tasti colorati, in cui chi registrava per la prima volta la sua voce non si riconosceva e moriva dal ridere. Esisteva addirittura tra gli accessori un microfono camuffato da portapenna o un dispositivo a pedale per poter battere a macchina ciò che era stato detto in un discorso o conferenza.

All'inizio tutti provavano a mettere insieme qualche sceneggiato -radio, cercando di imitare tutti i rumori possibili: la pioggia stropicciando il cellophan delle sigarette, il vento soffiando nel microfono, imitando animali vari o improvvisandosi giornalisti facendo interviste a qualche amico. Poi per registrare qualche canzone alla radio tutti dovevano stare in silenzio sperando che nessuno entrasse nella stanza rovinando la registrazione.

Il fonoregistratore Geloso aveva delle bobinette di nastro molto sottile che dopo qualche anno erano inservibili.

Non vi sono molte notizie circa le caratteristiche tecniche dell'apparecchio, ma è risaputo che erano a valvole termoioniche.

"La Geloso nasce per volontà dell’Ing.Giovanni Geloso negli anni trenta e subito si impone sul mercato sia per le attente ed indovinate intuizioni del suo fondatore, che per la sua filosofia: produrre apparecchi di ottima qualità a basso prezzo; la produzione spazia dalla componentistica, alle scatole di montaggio, agli apparecchi finiti, i primi ricevitori televisivi, amplificatori e quant’altro. Questo rendeva necessario occuparsi di meccanica, trattamenti di materiali, stampaggio, costruzioni di resistenze, condensatori a mica, elettrolitici, a carta, altoparlanti, trasformatori, microfoni, magneti permanenti, commutatori!! etc... provvedendo a progettare e costruire la strumentazione per la produzione e il collaudo. I suoi prodotti furono conosciuti in tutta Italia dove molte persone ebbero l’occasione di imparare l’elettronica grazie ai famosi Bollettini Tecnici Geloso che l’azienda stessa emetteva. Questa pubblicazione ha rappresentato per gli appassionati radioamatori e radiotecnici dilettanti l’unica guida di conoscenza per la realizzazione dei montaggi di ricevitori ”in scatola”, che ha rappresentato la più grande divulgazione commerciale del mezzo radiofonico, specialmente nelle più disagiate regioni d’Italia in anni in cui l’unica scuola , per giunta privata, era l’Istituto Radiotecnico “A.Beltrami” in via Circo,4 a Milano dove migliaia di giovani hanno passato le sere a studiare i misteri delle onde Hertziane sui testi di Montù, Recla, Ravalico ecc." (Paolo Di Chiaro - www.geloso.net)



Se hai gradito questa pagina crea un link sul tuo blog o sul tuo sito copiando questo tag
Link html oppure Indirizzo url:
Personal tools
Messaggi (TagBoard)